Niente di noi senza di noi.

Niente di noi senza di noi.

  • Contatto

Raggiunto un accordo provvisorio sul regolamento sulle disposizioni comuni 2021-2027

Il Regolamento sulle disposizioni comuni (CPR o Regolamento) 2021-2027 è un regolamento generale che si applicherà a una serie di fondi chiave dell'UE dopo il 2021, tra cui il Fondo sociale europeo + e il Fondo europeo di sviluppo regionale. Esso delinea le regole da seguire per l'utilizzo di questi fondi. Nel 2019 e nel 2020 l'EUD si è adoperata affinché il regolamento includesse norme che promuovessero i diritti delle persone con disabilità. Nel dicembre 2020 è stato raggiunto un accordo tra il Parlamento europeo e gli Stati membri dell'UE in seno al Consiglio sulla formulazione finale del regolamento.

L'EUD accoglie con favore l'accordo, in quanto include regole concrete che garantiranno l'accessibilità e la non discriminazione delle persone con disabilità nell'utilizzo dei fondi UE. 

L'articolo 67 del Regolamento specifica che le autorità di gestione devono stabilire e applicare criteri e procedure non discriminatori, trasparenti e che garantiscano l'accessibilità alle persone con disabilità. Inoltre, l'articolo 6(a) del CPR afferma che gli Stati membri e la Commissione europea devono intraprendere azioni per prevenire qualsiasi discriminazione basata sulla disabilità e obbliga a prendere in considerazione l'accessibilità per le persone con disabilità durante la preparazione e l'attuazione dei programmi. 

L'articolo 6 sul partenariato e la governance multilivello spiega anche come le diverse parti interessate saranno coinvolte nella selezione e nel monitoraggio dell'utilizzo dei fondi. L'articolo specifica che questo processo dovrebbe includere "gli organismi pertinenti che rappresentano la società civile, come i partner ambientali, le organizzazioni non governative e gli organismi responsabili della promozione dell'inclusione sociale, dei diritti fondamentali, dei diritti delle persone con disabilità, della parità di genere e della non discriminazione". Spiega inoltre che gli Stati membri devono stanziare i fondi per garantire che tali organizzazioni abbiano la capacità di svolgere tali compiti. 

Nel considerando 5 del CPR si sottolinea inoltre che gli Stati membri dell'UE devono rispettare gli obblighi della Convenzione ONU sui diritti del fanciullo e della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità e garantire l'accessibilità in linea con l'articolo 9 di quest'ultima e in conformità con la normativa dell'Unione che armonizza i requisiti di accessibilità per i prodotti e i servizi (l'Atto europeo sull'accessibilità). Tutti questi sviluppi nel CPR sono estremamente positivi. 

Il Forum europeo della disabilità ha sviluppato un'analisi approfondita del CPR in cui è possibile trovare maggiori informazioni sul regolamento sulle disposizioni comuni post 2021. Vi invitiamo a leggerla qui.

Tutte le pubblicazioni del periodo 2022-2026 sono cofinanziate e prodotte nell'ambito del programma Cittadini, uguaglianza, diritti e valori (CERV) della Commissione europea.

I punti di vista e le opinioni espresse sono tuttavia esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Unione Europea o del Programma CERV della Commissione Europea. Né l'Unione Europea né l'autorità concedente possono essere ritenute responsabili.

Condividi questo articolo...

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Articoli correlati

Brexit

Brexit

Come molti europei, anche l'UED si è svegliata venerdì scorso con la notizia che la maggior parte delle

it_ITItaliano
Vai al contenuto